Skip to main content

Ma l’amore senza sesso esiste per davvero?

Di recente, nel Regno Unito, è uscito il libro dal titolo “Possibly a Love Story”, scritto da Olivia Fane che arriva ad una conclusione ben precisa: l’amore non ha bisogno del sesso per continuare ad esistere, in quanto basta a saper ascoltare e abbracciare il partner per vivere felici. Ovviamente alcuni esperti nel campo della psicologia non la pensano esattamente così.

Uno di questi, ad esempio, è Roberta Giommi, direttore dell’Istituto Internazionale di Sessuologia, che ritiene indispensabile all’interno della coppia l’avere una vita sessuale attiva e di buona qualità. Secondo la scrittrice, invece, l’amore e il sesso non sono strettamente correlati, in quanto i partner si possono amare anche se sono freddi sotto le lenzuola. Anzi, molto spesso nelle coppie il sesso genera delle ansie che rendono un rapporto particolarmente turbolento, mandandolo letteralmente in crisi. Il fenomeno dell’erotismo, secondo Olivia Fane, va distinto dall’amore. Un buon matrimonio, può qualificarsi come tale, solo se sa andare oltre le tensioni che può provocare una mancata prestazione sessuale.

Risulta fondamentale, per vivere serenamente il proprio rapporto di coppia con il partner, il saper comunicare in ogni istante con lui, l’affrontare insieme qualunque tipo di problema che si incontra durante la vita quotidiana, la capacità di essere comprensivi e di assicurarsi che l’altro stia sempre bene, sapendo offrire in qualsiasi istante un caldo abbraccio che vale più di tante attenzioni sessuali.

Secondo la psicologa, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto Internazionale di Sessuologia, Roberta Giommi il sesso è quell’esperienza che può servire a far crescere la persona. Spesso viene praticato senza alcun coinvolgimento affettivo e senza alcun progetto di vita insieme.

Ma nelle coppie sposate e con figli, lo stare insieme diventa un patto di lealtà. Il rapporto, infatti, subisce delle evoluzioni e si ha la propensione a privilegiare gli interessi familiari della coppia, come quello di educare e vedere crescere i propri figli o scambiarsi protezione e solidarietà reciproca.

Molto spesso la nascita di un figlio determina dei cambiamenti nella vita sessuale di una coppia, riducendo l’intensità del desiderio. Ciò che ci tiene a sottolineare la Giommi è che se si decide di astenersi dal sesso per un periodo, è importante che i partner lo facciano di comune accordo, nel rispetto di un patto di lealtà indispensabile per la prosecuzione serena del rapporto di coppia.

In un certo senso, se ci pensiamo bene, anche quella è una forma di intesa tra i partner che anziché mettere in crisi il loro rapporto, con il venir meno di un certo coinvolgimento a letto, lo consolida facendo in modo che esso possa poggiare su altre basi solide e non meno rilevanti, come il saper venirsi incontro, l’abbracciarsi, il capirsi e il sapersi scambiare momenti di solidarietà nei momenti più difficoltosi. In fondo anche queste manifestazioni di vicinanza sono delle forme di amore, no?