Skip to main content

Lenti antiriflesso : proteggono davvero i nostri occhi?

Sempre più spesso si sente parlare in giro o si legge sul Web delle cosiddette lenti antiriflesso blu, una specifica tipologia di lente per occhiali da vista in grado di proteggere i nostri occhi in maniera particolare da questo colore.

Sebbene ogni nuova tecnologia in questo campo appaia a chi si serve di occhiali da vista per aiutare i propri occhi come un’innovazione utile e preziosa, è importante conoscere il motivo che ha portato all’ideazione di lenti antiriflesso blu e per quali tipologie di persone può davvero rendersi indispensabile per evitare affaticamento oculare ed il peggioramento di eventuali patologie già in corso.

Le lenti antiriflesso blu nascono con un obiettivo specifico: aiutare l’occhio umano a proteggersi efficacemente dalla luce blu, emessa in quantità molto elevate da tutte le sorgenti LED. Va da sé, quindi, che coloro che passano molte ore al giorno davanti a dispositivi elettronici quali pc, smartphone e televisioni possano averne particolare necessità.

Ma quali sono gli effetti deleteri di questa particolare emissione delle sorgenti LED di ultima generazione? Il “bombardamento” oculare di luce blu può causare innanzitutto disturbi astenopici legati alla perdita di contrasto. In buona sostanza, la luce blu emessa da tali dispositivi è in grado di raggiungere prima degli altri colori la retina dell’occhio affaticandolo oltre misura. Altro danno sino a poco tempo fa poco conosciuto ma altrettanto importante è quello relativo all’iperstimolazione della ghiandola pineale che, nel suo super lavoro causato dall’eccessiva presenza di colore blu  negli schermi LED, produce minori livelli dell’ormone chiamato melatonina. L’importanza di questo ormone è presto detta: senza un suo adeguato livello nel nostro organismo, il ritmo sonno/veglia viene scombussolato e si rischia di soffrire di insonnia protratta nel tempo.

Sebbene alcuni dispositivi come tablet e smartphone siano dotati di apposite applicazioni in grado di limitare la componente blu dalla gamma di colori degli schemi, soprattutto in particolari fasce orarie come quelle serali/notturne, questo piccolo accorgimento potrebbe essere troppo blando per chi soffre già di problemi di vista più seri. In questo caso optare per lenti antiriflesso blu vi permetterà di evitare i disturbi legati a queste emissioni e lavorare più serenamente.