Skip to main content

Laurea al femminile: come vestirsi e quali pettinature creare per sentirsi professionali e d’impatto

Con l’arrivo della primavera si avvicina anche un periodo molto impegnativo ed emozionante per molte giovani donne: la laurea.

Triennale o Magistrale che sia, il giorno della discussione è importante essere preparate.

A volte però può aiutare a sentirsi più sicure dare un’idea di professionalità ed eleganza anche attraverso l’outfit e l’acconciatura.

Si sa, la prima impressione conta, ed un aspetto curato è un ottimo biglietto da visita in qualsiasi occasione.

Ecco allora qualche piccola regola, regalata anche dalla Milano fashion week 2018, per essere al meglio il giorno della prolamazione, senza cadere in banali errori di stile.

Dubbio numero uno: tacco o scarpa bassa?

Il tacco alto conferisce sempre quel tocco di eleganza in più, capace di trasformare anche il più banale jeans in un capo di gran pregio.

Ad una laurea però la comodità è più importante, per questo molte donne scelgono, a ragione, delle scarpe basse eleganti, come ad esempio le francesine nere lucide, tornate di moda proprio nel 2017.

Questo modello è adattissimo agli ultimi giorni invernali: se di buona qualità è un tipo di scarpa impermeabile, che permette quindi di resistere senza fastidi anche alle piogge accidentali.

Prive praticamente di tacco, le francesine conferiscono un tono un po’ maschile all’outfit, che però può essere facilmente addolcito con una blusa semplice in colori pastello.

Il tacco alto non è una scelta sbagliata in sé, solo che deve essere adottato esclusivamente dalle veterane della camminata su trampoli, per evitare la fastidiosa preoccupazione della caduta accidentale.

Meglio invece evitare totalmente lo stivale, troppo aggressivo per una discussione “diplomatica”.

Dubbio numero due: gonna o pantalone?

Ormai non è più un problema per una donna apparire curata e femminile con un pantalone, anche se il vecchio caro tailleur gonna, magari in nero classico alla chanel, resta una scelta di tutto rispetto.

Le amanti del tailleur pantalone potrebbero trovare divertente associare alla giacca scura una camicetta dal colore un po’ più provocatorio e particolare, come il vinaccia, per richiamare il rosso portafortuna.

Di recente sono andate a ruba nei negozi anche le tute lunghe da cerimonia. Sono veri e propri abiti eleganti, privi però di gonna: una nuova espressione di femminilità comodissima e capace di far sentire a proprio agio anche la laureanda più agitata.

Una scelta che va evitata come la peste è invece quella dell’abito corto e troppo stretto.

I colori

Nonostante il nero ed il blu notte rimangano grandi classici intramontabili, oggi si può giocare un po’ con tutti i colori nel grande giorno della proclamazione.

Lo ha decretato la settimana della moda di Milano 2018, facendo sfilare in passerella modelli di tailleur dal celeste al fucsia acceso, con cintura in vita incorporata e grande pantalone ampissimo alla base.

Anche le fantasie principe di galles o i pois, nella primavera-estate 2018, funzionano alla grande.

Naturalmente la scelta del colore deve essere anche in linea con la propria personalità.

Da quest’anno ci si può permettere persino una proclamazione in giallo, ma occhio a non sentirsi un semaforo. La sensazione di comodità e sicurezza deve rimanere la base per la scelta di qualsiasi outfit.

Le acconciature

A seconda della lunghezza dei capelli, la pettinatura da indossare alla laurea può cambiare, rimanendo comunque nei toni della praticità. Meglio non sforare nelle pettinature da cerimonia troppo elaborate.

Acconciature laurea per capelli lunghi

Chi ama sfoggiare chiome fluenti quotidianamente deve assolutamente sfruttare la bellezza della propropria capigliatura.

Delle onde glam anni ’30 o delle beach waves (alla Belen per intendersi) sono acconciature semplice e di grande effetto, che possono essere fatte comodamente a casa attraverso l’uso di uno strumento specifico: la piastra per onde.

La si può acquistare direttamente su internet in portali specializzati, come ad esempio http://www.piastrepercapelli.info

Le onde sono acconciature per capelli lunghi comodisseme, che permettono di rimanere perfette senza però preoccuparsi di fastidiose forcine o nastri ribelli.

Chi ha i capelli lunghi, e non soffre di ansia da molletta, può comunque sbizzarrirsi con i capelli raccolti morbidi.

Di recente è tornato a farla da padrone fra i parrucchieri il raccolto effetto banana, ma anche la coda street style è diventata un’acconciatura di tutto rispetto.

Si consiglia una pettinatura soprattutto alle boccolose. I capelli ricci raccolti sono di un’eleganza senza pari.

Acconciature laurea capelli corti

Le più sbarazzine, veterane coraggiose dello stile alla maschietta, quest’anno possono giocare con fiori nei capelli e piccole forcine nature decorative. L’altra scelta è quella di darci nuovamente un taglio.

Perché non presentarsi alla discussione con un nuovo corto ice blond,  o un caschetto geometrico bon ton?

Se la preparazione non è al massimo, lo sarà almeno l’outfit.