Skip to main content

Come scegliere il miglior hosting e-commerce: consigli

La realizzazione di un sito Web, in particolare se legata ad uno specifico business da promuovere, va a braccetto con la pubblicazione dello stesso attraverso la scelta di un hosting, lo spazio che fisicamente ospiterà tutto il nostro materiale e ci permetterà di far conoscere agli utenti il nostro progetto affinché possano crearsi conversioni e, conseguentemente, guadagni.

La scelta del giusto hosting appare quindi di fondamentale importanza per evitare che tutta la fatica ed i soldi spesi per la realizzazione del sito vengano annullati da un caricamento lento delle pagine o, ancor peggio, da messaggi di errore che dissuaderebbero chiunque dal ritentare di utilizzare il vostro sito per fare acquisti, richiedere preventivi e molto altro ancora.

Nel caso di un e-commerce, la questione affidabilità e velocità assumono un’importanza ancora maggiore, proprio in virtù del fatto che, statistiche alla mano, gli utenti si annoiano velocemente e non concludono i loro acquisti su siti troppo lenti nel caricamento o con messaggi di errore se cliccano una pubblicità sui social che rimanda al sito stesso e che invece dovrebbe puntare direttamente ad un prodotto da mettere nel carrello. Vediamo quindi come scegliere il miglior hosting e-commerce per evitare problemi e far decollare i propri affari.

Sulla qualità non badate necessariamente al risparmio

Sebbene sul Web siano presenti decine e decine di offerte estremamente allettanti per acquistare un servizio hosting a cifre veramente basse, la verità è che in caso di e-commerce non è possibile barattare la qualità col risparmio e dovrete quindi prevedere un budget leggermente più corposo per il servizio da acquistare così da potervi garantire caratteristiche tecniche più in linea con le esigenze del sito. Ciò non vuol dire che non esistano servizi di hosting per e-commerce a prezzi competitivi e vantaggiosi ma prima di acquistarne uno dovrete avere la certezza che sia impeccabile sotto ogni punto di vista.

Prestate attenzione agli importanti servizi aggiuntivi

Quando parliamo di un e-commerce, la gestione del sito non si limita al corretto e veloce caricamento di dati ed immagini garantendosi al contempo che il sito non sia soggetto a crolli improvvisi. Non basta, quindi, scegliere un piano adatto per la RAM dedicata e la CPU disponibile. Chi si occupa della scelta del miglior hosting per questo tipo di progetto dovrà sapere se il fornitore scelto è in grado di offrire un’assistenza 24 ore su 24, se verrà fornito un certificato di sicurezza SSL (indispensabile per un e-commerce) e se la sua installazione sarà gratuita o meno, con quale pannello di controllo si opererà, se vi è piena compatibilità tra il CMS utilizzato per realizzare il sito e l’hosting stesso, se esiste la possibilità di effettuare un backup dei dati e se dopo un primo periodo di prova si potrà scegliere di optare per un upgrade o downgrade nel caso la versione scelta non risponda esattamente alle proprie necessità.

La pioggia in tutti i suoi aspetti

Tutti conoscono le parole che scriveva il Vate Gabriele D’Annunzio riguardo la pioggia nella sua poesia “La pioggia nel pineto”, nella quale descrive un fenomeno di naturalizzazione dell’uomo che si verifica nel momento in cui cade la pioggia. In questo testo poetico la pioggia viene contemplata in ogni suo aspetto, dalla sua capacità di lavare via i pensieri a quella di creare una fusione tra uomo e natura e di trasformare l’essere umano in un elemento vegetale grazie ai profumi, ai colori e all’atmosfera che si sprigiona grazie alla pioggia. Aspetti tipici del Decadentismo, movimento artistico e letterario di cui D’Annunzio rappresenta il maggior esponente italiano.

Come forma d’arte

La pioggia è un elemento che ha sempre suscitato diverse emozioni, come la solitudine e la malinconia, ma molto spesso viene vissuta anche con romanticismo. In molti testi musicali e poetici come anche a livello cinematografico, si fa riferimento alla pioggia come fosse il pianto del cielo o di una divinità specifica sofferente per un determinato avvenimento, o al contrario, viene utilizzata per arricchire scene romantiche di un incontro tra innamorati incuranti dell’acqua che scende dal cielo. In questo caso ci si riferisce ai colori ed ai profumi che caratterizzano, in particolar modo le piogge primaverili o estive.

E la sua forza inarrestabile

Sarebbe bello pensare alla pioggia come un elemento naturale, previsto dal normale corso del tempo e delle stagioni. Ma ultimamente, purtroppo, si sente parlare spesso di scroscianti piogge capaci di creare danni a cose e persone, perché ormai non è più sotto controllo. Il clima sta cambiando e le stagioni stanno subendo mutamenti mai visti prima, per i quali la popolazione italiana si trova impreparata. In vista di queste modifiche è bene essere preparati soprattutto a livello di costruzioni ed abitazioni, che devono essere sicure dal punto di vista di fondamenta, muri ed infissi. Parlando di quest’ultimi, gli infissi di ultima generazione come quelli in alluminio o in particolare quelli in pvc, sono stati studiati per creare spazi interni completamente isolati dall’esterno, assicurando una ottimale distribuzione delle temperature e una minima dispersione del calore e dell’energia. Ciò assicura inoltre un aumento del risparmio energetico in vista anche della salvaguardia dell’ambiente. Da A&P infissi è assicurata la qualità e la durata di un prodotto valido, tra i negozi che vendono infissi a Roma, il tutto accompagnato dalla cortesia dei titolari mossi dal desiderio di soddisfare tutti i bisogni di chi li richiede.

Casette in legno da giardino per vari utilizzi

Le casette di legno sono disponibili oggi sul mercato in vari modelli e dimensioni, e per ogni utilizzo.

Infatti le casette in legno da giardino sono comode per vari utilizzi, a partire da ripostiglio per oggetti e attrezzi da giardinaggio, fino a diventare vere e proprie stanze esterne alla casa, dove rilassarsi o dove dedicarsi ai propri hobby, come pure ottimi spazi di lavoro e studio, e dependance per gli ospiti.

A seconda dell’uso che se ne farà, una casetta da giardino offre tantissime caratteristiche positive.

Innanzitutto il legno è un materiale ecologico e naturale, usato da secoli nell’edilizia.

Nei paesi nordici e anche in Nord America, sono molto diffuse anche le case abitabili in legno, proprio per le caratteristiche ottimali di questo materiale, che è un ottimo isolante termico e acustico, resiste bene alle onde sismiche e al fuoco, oltre che dare un bellissimo tocco estetico al giardino o allo spazio dove viene posto.

Inoltre le casette di legno da giardino sono anche ecologiche, dato che alla fine del loro ciclo di vita sono completamente biodegradabili, e il legno è un materiale traspirante dato che le sue fibre fanno passare l’aria.

Opinioni sulle casette da giardino di legno

Le opinioni sulle casette da giardino di legno sono davvero positive, sia della gente che desidera avere una casa in legno e si sta informando sul da farsi, sia da parte di chi ci vive o ne ha una in giardino da usare come deposito attrezzi e le ha già sperimentate di persona.

Vi sono metodi di costruzione diversi per le casette in legno, i più diffusi sono il platform frame, che consiste nel posizionare pannelli di legno preassemblati tra loro a costruire una casa prefabbricata, e il metodo blockhouse, ovvero di travi a incastro una nell’altra senza viti o collanti.

Entrambi i metodi permettono di realizzare casette solide e robuste, durevoli nel tempo.

Inoltre il tempo per la loro costruzione è davvero breve rispetto a quello per una casa di mattoni di pari dimensioni, e i costi sono nettamente inferiori ai costi delle case in muratura tradizionali.

Le casette di legno oggi sono disponibili anche presso e commerce online, in diverse dimensioni e per ogni tipo di esigenza, con la possibilità di scegliere da un vasto catalogo di prodotti online.

Troviamo casette da giardino dello spessore di 28 mm, come pure casette più grandi, dallo spessore di 35 o 45 mm, che sono anche abitabili, bene isolate e abbastanza ampie da utilizzare come case per le vacanze o anche case dove vivere tutto l’anno, con finestre con doppia o tripla vetrocamera, porta con serratura di sicurezza, e altri dettagli che le rendono abitabili al meglio.

Casette da giardino in policarbonato

Oggi sul mercato ci sono varie tipologie di casette da giardino, realizzate in diversi materiali, come la resina o policarbonato, il pvc e la lamiera, ma le casette in legno da giardino rimangono quelle più comode per vari utilizzi.

Le casette da giardino in policarbonato sono casette utilizzabili soprattutto come ripostiglio per gli attrezzi o per oggetti diversi, e sono realizzate con pannelli di policarbonato rinforzato con alluminio e dal telaio in acciaio zincato, e offrono resistenza ai raggi UV e alle intemperie e durevolezza nel tempo.

Tuttavia non hanno le medesime caratteristiche positive del legno, dato che il legno è un materiale traspirante, e quindi all’interno della casetta si crea un clima sano e privo di allergeni, mentre non si può vivere in una casa in policarbonato, poiché questo materiale non è traspirante e non isola dalle temperature esterne nel medesimo modo del legno.

Cercare su internet i cibi da mangiare

Mi occupo di posizionamento siti internet e posso garantirvi che l’80% delle informazioni che trovate sui motori di ricerca sono “contaminate”. La creazione siti internet per i motori di ricerca prevede che le informazioni siano scritte a beneficio dei metodi di posizionamenti dei vari Google e company, piuttosto che a beneficio del lettore, tenente bene a mente questa considerazione quando cercherete su internet informazioni su cosa mangiare. La stagione calda di certo invoglia a trascorrere lunghe giornate al mare e vacanze sulla spiaggia. Ma per evitare spiacevoli problemi legati proprio alle temperature alte, è bene tenere sempre a mente alcune regole fondamentali. In questo caso, ci si riferisce naturalmente alle buone regole alimentari che, se applicate con criterio, possono evitare qualche rogna – e magari guastarci le vacanze… -. Andiamo quindi a vedere cosa mangiare d’estate sotto l’ombrellone. Innanzitutto, anche in questo caso valgono alcune buone abitudini di base: bere tanta acqua e mangiare cibi freschi e leggeri. Andiamo ad analizzare meglio queste semplici ma fondamentali regole. Perché si sente sempre dire, durante l’estate, ‘bere tanta acqua’? Lo scopo di bere acqua quando fa caldo è molto semplice: serve a reidratare il nostro organismo – composto, non dimentichiamocelo, per la maggior parte di acqua – che con le alte temperature tende a disperdere liquidi e Sali minerali. Se non si beve acqua a sufficienza, il rischio è quello di far andare letteralmente in tilt il nostro corpo, rendendoci vulnerabili a colpi di calore e malori. Quindi, anche se pensate di non averne bisogno, ricordatevi sempre di bere tanta acqua! Passiamo ora all’alimentazione e a cosa mangiare d’estate sotto l’ombrellone. Come accennato poco più su, l’ideale è portarsi in spiaggia cibi leggeri e facilmente digeribili, così da evitare un processo di digestione troppo lungo e laborioso. Quindi sì a frutta (possibilmente scegliere quella che contiene più acqua, come anguria e ananas), verdura e insalate di pasta leggere. Un buon accoppiamento, per coloro che prediligono le proteine a pranzo, potrebbe essere: uova sode, verdura cruda (tipo finocchi, carote, sedano, ravanelli, ecc.), e verdura cotta (magari zucchine o melanzane alla griglia). Si tratta di pasti che possono essere portati facilmente anche in spiaggia, all’interno di comodi contenitori e trasportati all’interno di adeguata borsa termica (così da evitare che il calore estivo rovini le proprietà nutritive e organolettiche degli ingredienti. Un consiglio in più: se tendete a disperdere molti liquidi e desiderate contrastare l’effetto del caldo in modo sano e naturale, potete preparare a casa una bottiglietta d’acqua addizionata di succo di limone e qualche pezzetto di zenzero. Portate questa bibita dissetante sempre con voi quando andate al mare, vi aiuterà ad affrontare la calura estiva. Insomma, se volete mangiare con gusto ma restare leggeri anche sotto l’ombrellone, non avete più scuse: acqua, frutta e verdure sono i più grandi alleati della salute, anche in estate! 

La ricerca dell’avvocato: quali criteri contano e quali no

Quali criteri contano nella ricerca dell’avvocato? Come scegliere in modo personale il professionista o lo studio senza lasciarsi trarre in inganno da luoghi comuni

La ricerca dell’avvocato è stata notevolmente agevolata da internet: ci sono piattaforme che offrono agli utenti un servizio gratuito per contattare direttamente gli avvocati online e chiedere un preventivo legale dettagliato per qualsiasi tipo di causa. Rispetto al passaparola, o altri strumenti classici di ricerca dell’avvocato, l’utente ha modo di fare una scelta consapevole e personale, basata sui criteri prioritari che indirizzano la selezione del professionista. Ma a volte il problema è proprio radicato nel COME: soprattutto chi si rivolge all’avvocato per la prima volta, potrebbe avere le idee confuse sui criteri soggettivi e oggettivi da applicare nell’affidare l’incarico.

Posizione e specializzazione dello studio legale: quanto contano nella scelta

La legge non impone di rivolgersi allo studio del notaio più vicino o comunque nel proprio Comune di residenza. Detto questo, soprattutto nelle grandi città, la prossimità allo studio può essere un vantaggio pratico. Diminuire gli spostamenti può significare infatti anche ridurre tempi e costi per la consulenza.

In ambito legale le specializzazioni non sono rigide come in quello medico-sanitario. La macro divisione è tra avvocati penalisti, civilisti, amministrativisti e tributaristi. Tuttavia l’esperienza potrebbe portare a ulteriori classificazioni. In ambito civile, ad esempio, uno studio legale potrebbe specializzarsi in cause di separazione, mantenimento o adozioni con avvocati matrimonialisti e divorzisti.

Età e genere del professionista o dimensioni dello studio legale non fanno la differenza

Quando si effettua la ricerca dell’avvocato si ha spesso ansia di conoscere il preventivo. E’ un’esigenza comprensibile. Del resto dal 2017 la Legge sulla Concorrenza ha imposto ai professionisti l’obbligo di preventivo scritto. Tuttavia non è sempre detto che la scelta migliore sia quella dell’avvocato più economico. Inoltre spetta alle parti saper leggere il preventivo legale nelle singole voci che lo comprendono per capire che cosa include la parcella. Va detto poi che, al momento del conferimento dell’incarico, non è sempre possibile prevedere esattamente quale sviluppo prenderà il giudizio o qualsiasi imprevisto. Altri criteri secondari potrebbero infine riguardare aspetti come il genere e l’età del professionista oppure le dimensioni dello studio legale. Conviene affidarsi ad avvocati giovani e volenterosi (e tendenzialmente più economici) oppure a studi legali associati di fama ed esperienza? Ci sono differenze tra avvocato donna o uomo nella scelta delle cause? Questi ultimi fattori potrebbero essere a dire il vero irrilevanti nella scelta e di certo non incidono a priori sulla professionalità dell’incaricato. Al massimo potrebbero incidere come elementi di preferenza meramente soggettiva. Del resto nel rapporto di fiducia tra avvocato e assistito si innesca un’empatia importante, anche tenendo conto della rilevanza degli interessi tutelati e della loro delicatezza in termini di privacy. Dell’avvocato bisogna avere fiducia perché con lui/lei si condivideranno aspetti della propria sfera personale o patrimoniale utili alla causa. Un rapporto che, peraltro, visti i tempi medi della giustizia italiana, potrebbe anche durare nel tempo. Anche se la preferenza quindi non appare fondata su elementi scientifici o oggettivi, potrebbe essere giusto tenerla in considerazione per sentirsi più tranquilli durante la causa. Ecco anche perché la ricerca dell’avvocato online, rispetto al passaparola, ha il vantaggio non indifferente di impostare una scelta personale e non condizionata