Skip to main content

ILVA, L’ANNUNCIO DI CALENDA: SARÁ ANTICIPATA LA COPERTURA DEI PARCHI MINERALI

Arrivano buone notizie per Taranto e i tarantini, dopo le polemiche sul Wind Day e l’allarme inquinamento. Durante l’incontro presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, è emersa la possibilità di anticipare la copertura dei parchi minerali dell’ILVA grazie all’impegno dell’Amministrazione Straordinaria dello stabilimento siderurgico, la più grande acciaieria d’Europa, e della nuova società Am Investco.
Ad annunciarlo è lo stesso ministro Carlo Calenda, il quale ha fatto sapere che “verificherà la possibilità di anticipare i lavori di copertura del parco minerali dello stabilimento siderurgico di Taranto”.
Approfondisci

Le rassicurazioni dell’ILVA

Sono stati versati, e altri si verseranno in futuro, i contributi per il ristoro ambientale ai Comuni di Taranto e Statte. E’ inoltre a buon punto la realizzazione della copertura dei parchi minerari. Questo è ciò che emerge dall’ultimo comunicato dell’ILVA di Taranto, inviato all’ANSA, in cui l’azienda fa il punto della situazione chiarendo molti aspetti rimasti oscuri.Sono giorni delicati per la più grande acciaieria d’Europa, alle prese da settimane con un estenuante braccio di ferro tra azienda, governo e sindacati.

L’ILVA, che già era finita nel mirino a causa dell’accusa di alcuni sindacalisti – i quali avevano denunciato la mancanza di un impianto di aspirazione che invece si è rivelato essere presente e funzionante – ha voluto ribadire il proprio impegno e la propria attenzione all’ambiente. Lo ha fatto con parole chiare: “Dall’inizio dell’amministrazione straordinaria a oggi, ILVA ha sempre ottemperato agli obblighi normativi con i Comuni di Taranto e Statte relativi ai contributi per le attività di pulizia e ristoro ambientale”.
L’azienda spiega di aver versato “complessivamente al Comune di Taranto circa 600.000 euro e ha già predisposto il pagamento di ulteriori 170.000 euro, mentre al Comune di Statte ILVA ha versato complessivamente circa 95.000 euro e ha predisposto il pagamento di ulteriori 120.000 euro”.

Per quanto riguarda la già citata realizzazione della copertura dei parchi minerari, invece, l’azienda specifica che “durante l’Amministrazione Straordinaria sono stati completati tutti i lavori di caratterizzazione propedeutici alla realizzazione del progetto e sono state ottenute tutte le necessarie autorizzazioni tecnico-amministrative dagli enti locali coinvolti nel processo. Il nuovo investitore, anche per ridurre i tempi di realizzazione dell’intervento, ha accettato di proseguire con il progetto messo a punto durante l’Amministrazione Straordinaria e si è impegnato a terminare i lavori nel rispetto dei tempi previsti dal nuovo piano ambientale”.

Alla luce dei dati, resta la sensazione che certe polemiche sensazionaliste avrebbero dovuto essere evitate, in un momento così delicato per l’intero settore siderurgico italiano.

Come fare lavori di casa in economia

Vuoi fare i lavori in casa tua in economia? A tutti noi ogni tanto dopo diversi anni vogliamo cambiare un poco la nostra casa, logicamente il primo pensiero è di svolgere i lavori di ristrutturazione in economia, spendendo poco.

Il primo step da seguire per fare i lavori in casa in economia è avere le idee bene chiare di quanto vogliamo spendere, un consiglio che voglio darvi prima di tutto è quello di una piccola lista dei lavori che volete attuare in casa ad esempio:

– Rifacimento dell’intonaco

-Tinteggiatura pareti e soffitti

– Sostituzione degli infissi esterni

– Miglioramenti dei servizi igienici

– Sostituzione di pavimenti

Approfondisci

Ricerca avvocati: 5 domande da farti e da fare per capire se è un buon avvocato

Internet ha reso più veloce e agevole la ricerca avvocati a livello pratico ma questo non esonera l’utente dal fare alcune considerazioni utili alla scelta del professionista giusto. Scegliere un buon avvocato online, in altre parole, può essere facile e veloce ma non deve mai essere frettoloso e superficiale: c’è una bella differenza tra le due cose! Ma se un utente non è esperto di materie giuridiche e quindi non ha gli strumenti professionali adatti, come può essere sicuro di scegliere un buon avvocato?

Approfondisci

Come riscaldare un appartamento con il cappotto termico interno: cosa c’è da sapere

Sempre più spesso sentiamo parlare di persone che hanno scelto di isolare termicamente la propria abitazione per ridurre sia in inverno che in estate il costo dell’energia elettrica dovuto agli impianti di condizionamento o ad altri tipi di caloriferi (stufe a pellet, termo camini, termosifoni e così via).

Partiamo da un presupposto: chi desidera isolare termicamente casa ha due possibilità: la prima è quella di scegliere il cosiddetto cappotto esterno, un’opera muraria però abbastanza costosa e lunga nei tempi di realizzazione che, nonostante gli impeccabili risultati, è possibile scegliere solo per case che non hanno più di uno, massimo due piani e soprattutto non in contesti urbani, mentre la seconda è il cappotto termico interno, un’opera realizzabile anche all’interno di appartamenti facenti parte di palazzine e condomini di città, meno costosa e sicuramente realizzabile in un tempo minore.

Approfondisci