Skip to main content

Boschi vivi: un progetto italiano per il cimitero del futuro

Nel nostro Paese i cimiteri sono tutti uguali tra loro, più o meno. Alcuni sono abbelliti da tombe monumentali, altri invece sono più sobri e lineari, ma la sostanza è la stessa: loculi in freddo marmo bianco, un piccolo vaso vicino a ogni lapide e un ambiente ostile, fatto per invitare i parenti dei defunti a fermarsi il meno possibile. Ma negli ultimi anni le cose stanno cambiando anche in Italia, alcuni giovani imprenditori hanno infatti pensato che sia finalmente giunto il momento per introdurre un concetto diverso di cimitero.

Il bosco cimitero
L’idea è abbastanza chiara e per certi versi mutuata dai cimiteri già oggi disponibili in altri Paesi, dove la natura incontra la morte e la abbraccia per mantenere il ricordo del caro defunto. I progetti italiani in questo senso sono già alcuni, stiamo quindi parlando di un’esigenza ormai sentita e ben presente in molte comunità. Ad esempio Arborvitae è un progetto che intende portare nelle grandi città, come Roma e Milano ad esempio, dei parchi cimiteri, dove gli alberi saranno i custodi delle sepolture e delle ceneri interrate. Boschi vivi è invece un’iniziativa di 4 giovani genovesi che hanno scelto la strada del crowfunding per dare vita a zone boschive dove interrare le ceneri. Un concetto di cimitero diverso da quello cui siamo abituati, che non solo è più piacevole da visitare ma ci permette anche di mantenere tali strutture in modo maggiormente attento all’ambiente.

Una risposta per richieste diverse
Stiamo quindi parlando di cimiteri più in sintonia con la natura, con i boschi e i parchi dove ci piace passeggiare. Saranno gli alberi i custodi di questi nuovi cimiteri, ma i luoghi saranno resi ancora più accoglienti creando sentieri, specchi d’acqua vicino ai quali soffermarsi, zone a pergola o altre attrazioni adatte a consolare i vivi che vogliono ricordare i morti. In entrambe i progetti l’attenzione non è solo verso la sepoltura, ma anche versi la natura, che va accompagnata e aiutata nel suo sviluppo, per rendere i boschi dei veri e propri parchi naturali, facilmente fruibili in qualsiasi periodo dell’anno.

L’interesse per i nuovi tipi di sepoltura
questo tipo di proposta ben si innesta nel sentire comune di moltissimi cittadini italiani. Ad oggi il numero di persone che preferisce l’incenerimento delle proprie spoglie è in costante aumento. Per certi versi il tradizionale cimitero, luogo di ricordo ma anche di contrizione, viene visto sempre più come qualcosa di avulso dalla quotidianità di noi tutti. Basta chiedere informazioni ad un’agenzia di pompe funebri milano per avere conferma dei cambiamenti in atto, ormai da diversi anni. Interrare le ceneri è un’operazione ben diversa rispetto a quelle necessarie per interrare un normale sarcofago, di grandi dimensioni. Anche dal punto di vista sanitario stiamo parlando di esigenze molto differenti tra i due concetti di sepoltura. Nel primo caso le cose si semplificano enormemente anche se la legislazione nel nostro Paese è ancora in evoluzione. Ad esempio per la dispersione delle ceneri è oggi necessario avere un permesso e lo si può fare solo nelle aree espressamente dedicate a questo tipo di attività.

Come acquistare all’ingrosso

Per l’acquisto di prodotti specifici per la propria azienda, scegliere il giusto fornitore può non essere un’operazione semplice, soprattutto nell’era di Internet che ha letteralmente stravolto l’offerta proponendo ad ogni utente una miriade di risultati che spesso confondono le idee e non permettono di capire quale sia la scelta giusta da fare.

Soprattutto quando parliamo di ingrosso detersivi, un ambito particolarmente importante per tutte quelle strutture dove la pulizia non è solo necessaria ma assolutamente fondamentale per l’esistenza stessa dell’attività (si pensi, solo per fare un esempio, al settore food), scegliere con attenzione il fornitore con un’offerta quanto più ampia, precisa e vantaggiosa possibile è importantissimo per garantirsi e garantire al pubblico il meglio.

Uno dei primi aspetti che un ingrosso di detersivi deve rispettare per proporre la sua merce all’eventuale compratore è il rispetto di tutte le normative vigenti in ambito igienico-sanitario. Non basta, insomma, che un detersivo abbia una profumazione gradevole o sia disponibile in un formato convenienza che permette di acquistarne un numero inferiore di colli e risparmiare.

Per quanto riguarda, ad esempio, tutti i detergenti utilizzati per l’igiene e la pulizia dei macchinari che entrano in diretto contatto con cibi e bevande, i prodotti dovranno essere conformi al protocollo H.A.C.C.P. mentre nel caso delle strumentazioni utilizzate dal personale addetto alla pulizia (carrelli con secchio lavapavimenti, porta detergenti e così via), queste dovranno essere realizzate conformemente a quanto previsto dalla legge 626/94.

Normative così stringenti e precise devono quindi portare ogni azienda a scegliere con estrema attenzione l’ingrosso detersivi al quale affidarsi per la fornitura di prodotti conformi a quanto espressamente richiesto dalla legge. Per essere sicuri di avere a che fare col giusto fornitore, quindi, uno dei primi consigli è senza dubbio quello di verificare l’esistenza di un’assistenza dedicata, ancora meglio se con un rappresentante che può fisicamente raggiungere il responsabile acquisti per valutare le soluzioni più adatte per ciascun caso. I migliori fornitori all’ingrosso prevedono in ogni caso la possibilità di operare con un certo grado di autonomia fornendo anche attraverso una sezione dedicata del loro sito Web tutte le schede tecniche dei prodotti e relativi prezzi

Come fare lavori di casa in economia

Vuoi fare i lavori in casa tua in economia? A tutti noi ogni tanto dopo diversi anni vogliamo cambiare un poco la nostra casa, logicamente il primo pensiero è di svolgere i lavori di ristrutturazione in economia, spendendo poco.

Il primo step da seguire per fare i lavori in casa in economia è avere le idee bene chiare di quanto vogliamo spendere, un consiglio che voglio darvi prima di tutto è quello di una piccola lista dei lavori che volete attuare in casa ad esempio:

– Rifacimento dell’intonaco

-Tinteggiatura pareti e soffitti

– Sostituzione degli infissi esterni

– Miglioramenti dei servizi igienici

– Sostituzione di pavimenti

Approfondisci

Come riscaldare un appartamento con il cappotto termico interno: cosa c’è da sapere

Sempre più spesso sentiamo parlare di persone che hanno scelto di isolare termicamente la propria abitazione per ridurre sia in inverno che in estate il costo dell’energia elettrica dovuto agli impianti di condizionamento o ad altri tipi di caloriferi (stufe a pellet, termo camini, termosifoni e così via).

Partiamo da un presupposto: chi desidera isolare termicamente casa ha due possibilità: la prima è quella di scegliere il cosiddetto cappotto esterno, un’opera muraria però abbastanza costosa e lunga nei tempi di realizzazione che, nonostante gli impeccabili risultati, è possibile scegliere solo per case che non hanno più di uno, massimo due piani e soprattutto non in contesti urbani, mentre la seconda è il cappotto termico interno, un’opera realizzabile anche all’interno di appartamenti facenti parte di palazzine e condomini di città, meno costosa e sicuramente realizzabile in un tempo minore.

Approfondisci