Skip to main content

Pacchetto igiene HACCP, che cos’è e perché è importante per le aziende del settore alimentare

Igiene alimentare e HACCP sono materie di interesse per tutti coloro i quali operano nel settore dell’alimentazione o che appartengono alla filiera della stessa. In realtà sono loro imposti degli obblighi ai quali assolvere per fare in modo che il consumatore, ovvero colui il quale riceve il prodotto finito e lo utilizza, possa essere tutelato ai fini della sua salute.

Cos’è il pacchetto di igiene alimentare HACCP?

Il pacchetto igiene alimentare HACCP comprende quelle norme in materia di sicurezza alimentare che puntano alla garanzia di un alto livello di tutela della salute delle persone, su tutto il territorio europeo.

La normativa di riferimento disciplina l’igiene degli alimenti, la loro necessaria sicurezza e i processi ad essi legati, allo scopo di fornire alle aziende interessate e ai loro dipendenti, tutti gli strumenti giusti per poter svolgere un controllo autonomo e rispettoso delle regole.

L’importanza del pacchetto igiene alimentare

Grazie a questa nuova presa di posizione che la normativa impone in materia di igiene alimentare e HACCP, il controllo degli alimenti è diventato un obiettivo di maggiore rilievo da perseguire con maggiore costanza. Tutte le imprese coinvolte nella filiera produttiva, nella distribuzione, nella commercializzazione e nella somministrazione degli alimenti, hanno il vincolo legislativo di attenersi e sottostare alle normative vigenti, rispettando le condizioni igienico – sanitarie secondo il protocollo stabilito dalla HACCP, il quale traccia forti e chiare indicazioni in merito al metodo di verifica relativo alla produzione alimentare, che ha come fine principale la garanzia di fornire un prodotto commestibile e lavorato secondo delle condizioni igienicamente sicure.

L’orientamento volge lo sguardo a diversi aspetti che sono tutti a vantaggio del consumatore, il quale dovrebbe sentirsi più tutelato nel momento dell’acquisto o del diretto consumo del cibo. Vediamo perché.

I vantaggi per il consumatore

Grazie al regolamento in questione, maggiori responsabilità gravano sulle aziende e sugli operatori del settore, da chi si occupa della raccolta a chi offre il prodotto al consumatore. L’intera catena è coinvolta, segno che sono diverse le imprese che necessitano della consulenza in materia igiene alimentare e HACCP, indipendentemente dalla posizione occupata all’interno della stessa filiera. La catena alimentare, infatti, è oggetto di continui controlli effettuati a diversi livelli, non solo da possibili organi incaricati esterni, ma pure dalle stesse aziende, le quali sono obbligate a presentare i risultati di alcuni degli accertamenti eseguiti. Un esempio, riportato spesso anche sulle confezioni dei prodotti, è la tracciabilità degli stessi, il luogo di raccolta, di produzione, di lavorazione, a seconda dei casi. Ciascun alimento deve essere tracciabile e rintracciabile: questo è molto utile nel caso di partite difettose o di eventuali problematiche che potrebbero insorgere nel corso del tempo.

Un altro aspetto da non tralasciare, che è inserito all’interno del manuale di igiene e sicurezza che ciascuna azienda dovrebbe tenere, riguarda il calcolo del rischio alimentare e la conseguente analisi in modo che possa essere minimizzato o addirittura ridotto a zero.

Con la HACCP il consumatore viene posto al centro dell’intero modus operandi dei partecipanti alla filiera alimentare. Questo consente la diffusione di un prodotto anche negli altri Paesi europei, favorendo esportazioni e importazioni.

Consulenza HACCP Rimini e dintorni

PAGEAMBIENTE si presenta sul mercato della consulenza HACCP a Rimini e dintorni con esperienza e attenzione proponendosi come unico referente capace di elargire servizi di formazione, sicurezza sul lavoro, igiene alimentare e HACCP. La prerogativa dell’azienda è fornire soluzioni affidabili in un ambito conosciuto.

La consapevolezza di una certa territorialità, che in Emilia-Romagna è molto peculiare, offre diverse opportunità al cliente, il quale lascia l’incombenza burocratica a chi quotidianamente gestisce pratiche di questo genere.

PAGEAMBIENTE agisce cercando di fornire soluzioni alle imprese, in materia HACCP a Rimini, dotate di un valore aggiunto che rientrano a pieno titolo nella catena alimentare, focalizzandosi non solo sul prodotto finito, ma soprattutto sull’intero processo.

Bonus formazione 4.0: come funziona questo importante incentivo

Le imprese di oggi devono necessariamente mettersi sulla strada della digitalizzazione. Solo facendo scendere in campo infatti il digitale e le nuove tecnologie, ecco che è possibile diventare sempre più concorrenziali nel proprio settore e attrarre talenti nella propria azienda.. Si lavora infatti in modo più performante e veloce, minimizzando gli errori e i rischi e restando sempre al passo con i tempi che corrono.

Tutto questo è vero, ma è vero anche che per alcune imprese odierne può risultare difficile mettere in atto questa rivoluzione digitale. È infatti necessario essere in possesso di un buon budget a propria disposizione. Non solo, è necessario anche formare i propri dipendenti al meglio. Sì, perché se i dipendenti non sono ben formati in ambito digitale la rivoluzione messa in atto potrebbe non risultare efficiente.

Anche la formazione del persona ha un costo piuttosto importante, ce ne rendiamo conto. Per fortuna che esistono molti bonus che le imprese possono sfruttare, come ad esempio il bonus formazione 4.0. Andiamo insieme a scoprire di cosa si tratta e come funziona.

Bonus formazione 4.0: di cosa si tratta

Il bonus formazione 4.0 è un incentivo che prevede la possibilità per le imprese italiane di portare in detrazione le spese necessarie alla formazione dei dipendenti su tematiche ovviamente riguardanti la tecnologia 4.0, come big data quindi, robotica oppure cyber security, ma anche stampa tridimensionale, realtà virtuale e realtà aumentata, prototipazione rapida. 

La detrazione fiscale prevista dipende dal tipo di impresa e dal numero di dipendenti che possiede. Nello specifico:

  • Possono portare in detrazione il 50% delle spese sostenute, con un limite massimo di 300mila euro, le micro e piccole imprese.
  • La detrazione è invece pari al 40%, con un limite massimo di 250mila euro, per le medie imprese.
  • Le grandi imprese possono portare in detrazione il 30% delle spese, sempre con un limite massimo di 250mila euro.
  • Nel caso di imprese che si occupano di formazione per lavoratori dipendenti svantaggiati, la detrazione è del 60%.

Le spese che possono essere portate in detrazione sono quelle per formatori e partecipanti alla formazione, comprensive non solo della formazione in sé, ma anche di spese di viaggio per la scuola di formazione, materiali, forniture, strumenti, consulenza per il progetto di formazione, spese amministrative, locazione e spese generali di vario genere sempre inerenti al progetto.

Recovery Fund per un’Europa digitale, resiliente ed ecologica: le figure professionali che a breve saranno fondamentali

Il Recovery Fund è diventato finalmente una realtà a tutti gli effetti, una realtà che permette ai paesi Europei di rendersi sempre più digitali. La digitalizzazione è importante, perché permette di ottenere efficienza, velocità, produttività. Chiunque abbia subito i danni causati dalla crisi economica e dalla pandemia, può tornare a crescere, può tornare a svilupparsi.

La digitalizzazione permette molto altro. Consente infatti ad ogni paese di diventare resiliente. Che cosa significa? Significa essere pronti a rispondere alle crisi in modo semplice, veloce, reattivo. Significa evitare che sia possibile incorrere nuovamente in conseguenze negativa nel caso qualcosa vada storto. Dobbiamo imparare ad essere pronti a tutto e il digitale ci permette di farlo. Infine, l’aspetto ecologico della questione. La digitalizzazione permette infatti di rispettare in modo sempre più intenso la natura e di evitare di creare ulteriori danni.

Recovery Fund: quali sono i requisiti per riuscire in questa impresa

Digitalizzazione, resilienza, ecologia, sono questi i tre obiettivi principali del Recovery Fund. Riuscire ad ottenere tutto questo però con le infrastrutture di rete odierne è impossibile. Le nostre infrastrutture infatti non sono abbastanza veloci. Non sono stabili. Sono anche poco sicure, dato che sono di continuo attaccate da cyber criminali pronti a creare non pochi danni. Con infrastrutture così è del tutto inutile dare il via ad una rivoluzione digitale. C’è aria di cambiamento nell’aria per fortuna. Si stanno infatti ponendo le basi per la creazione di ultra broad-band (UBB) in fibra ottica e reti 5G.

Con infrastrutture di rete di nuova generazione come queste sarà possibile ottenere operatività, efficienza, stabilità e sicurezza. Ovviamente c’è bisogno di figure professionali ad hoc per poter dare vita ad infrastrutture di questo genere. Non solo, c’è bisogno anche di figure professionali che siano in grado di gestire queste infrastrutture. Gestirle significa monitorare da vicino il loro funzionamento e scovare eventuali problematiche sul nascere. Significa anche riuscire a risolvere le problematiche in modo tempestivo, così che non vi siano mai rallentamenti o blocchi nelle attività lavorative.

Formare le figure professionali del futuro

Le figure professionali di cui si ha bisogno per il momento non sono disponibili. È necessario formarle. Ecco perchè molte realtà formative hanno già dato il via a validi corsi, come il corso CCNA organizzato da Vega Training. Si tratta di un corso sia teorico che pratico. Anzi, la pratica è messa al centro anche grazie alla disponibilità di laboratori da remoto 24 ore su 24. In questo modo i corsisti possono trasformarsi in fretta in figure professionali già pronte ad accedere al mondo del lavoro, che non hanno bisogno quindi di ulteriore formazione. Si tratta di un corso che prepara all’esame per l’ottenimento della certificazione Cisco CCNA Esame 200-301. Questa certificazione attesta le proprie competenze. È quindi importante averla nel proprio curriculum vitae, in modo che sia possibile valorizzare il proprio profilo e spiccare nella massa, in modo che sia possibile far sì che il proprio profilo venga davvero preso in considerazione dalle aziende alla ricerca di personale. A differenza di ciò che si potrebbe pensare, c’è un solo requisito per l’accesso al corso ossia la conoscenza della lingua inglese. Si tratta quindi di un corso adatto a tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro.

Come e quando si vince alle slot? Gli esperti sfatano alcuni miti

L’onnipresente dubbio che accompagna da sempre i giocatori riguarda la possibilità di capire, comprendere e anticipare il meccanismo vincente di una slot machine. La fantasia viaggia talvolta verso mete inesplorate e la capacità di poter dominare con furbizia e un pizzico di matematica una macchina da soli è particolarmente allettante. Interrogarsi è quindi doveroso: è davvero possibile capire quando una slot machine diventerà “hot” e quindi aumenteranno le possibilità di una vincita? Per rispondere bisogna prima analizzarne il funzionamento delle slot. Ogni slot machine deve garantire un payout superiore al 90%. Significa che, su una puntata di 10 milioni, 9 dovranno necessariamente tornare al giocatore. Con payout si intende un indice statistico che assicura un ritorno di vincita nel lungo periodo. Avere un RTP alto (Return to player, il ritorno economico in vincita) non garantisce una vittoria assicurata.

Garantisce, tuttavia, maggiori chance di vittoria. Non si può invece conoscere e sapere quando la slot erogherà la vincita. Per più motivi: in primis perché le slot sono guidate da un generatore di numeri casuali. Ogni spin, ogni giocata, è slegata da quella precedente, non c’è una vera e propria continuità. E non è detto, al tempo stesso, che se una macchina stia iniziando a pagare con maggiore frequenza non possa interrompersi e tornare cold da un momento all’altro. Se una macchina, in media, paga una volta ogni cinque giri, non vuol dire che la proporzione sarà costante. Il meccanismo di payout, come spiegano gli esperti di Starcasino, ragiona infatti secondo un lungo periodo. Potrebbe, infatti, diventare cold da un momento all’altro e bisognerebbe aspettare anche più di venti giri per tornare ad incassare. Rispondendo alla domanda precedente: no, non è possibile prevedere le mosse di una slot machine e capire quando sarà calda al punto giusto da garantire una vincita sicura.

Le slot sono costruite appositamente per essere randomiche e indecifrabili. L’unico consiglio da dare al giocatore che cerca risposte nella matematica per decifrare una slot, è quello di giocare sicuro, giocando con macchinari autorizzati AAMS. Esistono slot che aumentano la possibilità di vincita, le megaways. Si parla, comunque, di probabilità, non di certezze calcolabili. L’unica strada per cercare di comprendere una slot machine è quello di giocare in modo legale e sicuro.

Unitremilano: la produttività a Milano

In una grande città come Milano, capitale economica d’Italia, la vita corre a mille, pandemia permettendo, e non ci si ferma mai. Aziende, tecnologia, lusso, design, Milano è il fulcro della produttività ma è anche una città da vivere a 360°. I milanesi lo sanno bene: la loro è una città cosmopolita che offre moltissimo ed è sempre in movimento. Architettura e cultura si possono ammirare in quasi tutti i quartieri della città, scoprendo angoli meno battuti dai classici itinerari turistici che portano in centro, per vedere il Duomo, il Castello Sforzesco, la Scala o il grattacielo Pirelli.

Per avere una visuale più ampia di Milano il consiglio è quello di conoscerla meglio su www.unitremilano.it un periodico online molto ben fatto in cui trovare moltissime informazioni sulla città meneghina. Oltre alla cronaca cittadina il giornale è suddiviso in varie sezioni dedicate all’architettura, agli spettacoli, agli eventi. Molto interessanti anche le pagine riservate a luoghi, divertimento e weekend. Sarà più facile decidere cosa vedere e cosa fare in città, sia per un turista che arriva a Milano e la vuole scoprire da vicino, sia per un abitante che a sua volta può scoprire posti che non conosceva.

Unitremilano è una bella realtà, che racconta in modo semplice e chiaro Milano. Molto apprezzata dai lettori la pagina dedicata all’Architettura, ricca di articoli interessanti ed anche insoliti su costruzioni che suscitano curiosità come il bosco verticale oppure sulla riqualificazione urbana della città. E’ un piacere approfondire argomenti che non si masticano spesso ma anche rinfrescarci la memoria con luoghi famigliari che spesso si danno per scontati.

Nella sezione Luoghi si può fare una sorta di viaggio tra i quartieri di Milano, dalle strade ai parchi, dai palazzi e la loro storia alle aree riqualificate della grande periferia milanese. Gli articoli presentano spazi riprogettati e riqualificati che meritano di essere vissuti appieno. Ci sono poi la sezione Weekend, Eventi e Divertimento che in tempi “normali” sono molto utili per scegliere come divertirsi a Milano e cosa fare in città.

La prima propone articoli su cosa fare nel fine settimana in città, andando a scovare gli eventi che si possono scegliere o suggerendo posti imperdibili dove mangiare e divertirsi. Eventi è una pagina più specifica in cui Unitremilano si sofferma su manifestazioni di rilievo a Milano quali possono essere la Fashion Week piuttosto che BookCity, i concerti, le mostre d’arte o gli eventi sportivi. Divertimento è una sezione in cui gli articoli sono concepiti per dare al lettore informazioni approfondite su particolari attrazioni, locali innovativi, discoteche e luoghi di ritrovo.